Deltamed Deltamed

Paseo Canal, 43-49
43870 Amposta

Tel. 034 977 706 340
Fax 034 977 704 523

email

RISO DEL DELTA DEL PO TRA MARE, NATURA, CULTURA E GASTRONOMIA. (07/10/2013)

RISO DEL DELTA DEL PO TRA MARE, NATURA, CULTURA E GASTRONOMIA
RISO DEL DELTA DEL PO TRA MARE, NATURA, CULTURA E GASTRONOMIA

I giorni 4-5-6 di ottobre sono stati celebrati nel Museo Regional de Ca’Vendramin (Rovigo) Italia una fiera gastronomica “RISO DEL DELTA DEL PO TRA MARE, NATURA, CULTURA E GASTRONOMIA", dove uno dei protagonisti è stato il riso. Hanno partecipato l’Associazione DELTAMED a questa mostra tra le altre cose è stata fatta una presentazione da parte di María del Mar Català Forner, Investigatrice responsabile del riso nell’IRTA, azienda pubblica della Generalitat de Cataluña e Deltamed in cui sono stati presentati i lavori realizzati durante il progetto “Adattamento allo stress idrico del riso nel Delta dell’Ebro, in risposta al nuovo scenario del cambio climatico”.

È stata elaborata anche una paella di degustazione, a carico del Sig. Manuel Masía Marsá Presidente del Deltamed.

Bisogna anche tener presente che i nostri delta, lagune e terreni umidi, sono stati e sono una fonte di risorse che hanno alleviato le siccità dei nostri popoli durante gli ultimi secoli, diventando oggi delle zone di grande interesse produttivo, sanate e con un elevato valore turistico ed ecologico.

Abbiamo molteplici prodotti nelle nostre zone, tutti di importanza ineguagliabile, ma dobbiamo focalizzare la nostra visione su un unico punto, la coltivazione del riso in queste zone.

Il consumo di riso e per tanto la sua commercializzazione, è differente dagli altri tipi di riso in quanto a qualità.

Per questo motivo, è molto importante il lavoro che effettuiamo, cercando nuove varietà che siano resistenti ai differenti tipi di piaghe e soprattutto siccità, dato che questa sarà la grande sfida del futuro.

Per quanto esposto dalla nostra associazione, ci stiamo impegnando affinché l’U.E. dichiari il riso una “COLTIVAZIONE DI SPECIALE INTERESSE IN QUESTE ZONE AD ELEVATO VALORE ECOLOGICO”.